Intervista di Rosanna Frattaruolo a Giovanni

13892224_10154316636999361_4706849357605678007_n

Intervista di Rosanna Frattaruolo a Giovanni

Sulla interessante Pagina facebook Interviste Svelte

una conversazione con Giovanni

Vai all’intervista

Ecco un estratto:

(…) i vivi di cui parlo vivono contro natura. Non sono eroi, non sono animali, non sono folli. Sono persone normali, vivono, amano e odiano. Ma ancora non è qui il centro: il centro del libro è che essi, i vivi, gli inadeguati, gli inetti o comunque coloro che non possono o non vogliono adeguarsi alle leggi del branco, alla volontà di sopraffare, scoprono l’immensa energia e vitalità e silenziosa forza che esiste appena prima di generare, il pensiero appena prima di essere concepito, la parola prima di essere pronunciata: si tratta di un’energia potenzialmente infinita, la libertà assoluta che poi viene espressa nell’arte, ma anche in molte altre attività umane, anche le più banali, dal pronunciare una parola alla scelta di un gesto e ovviamente nel generare una nuova vita. Potremmo dire quindi che il libro parla anche della gravidanza e del suo miracolo. Ma i vivi sono ben lontani dalla natura, non sono pienamente umani poiché rifiutano avidità, violenza ecc, non vivono pienamente sé stessi come gli animali, tentano però di raggiungere una libertà, almeno del pensiero o, banalmente, nel costruirsi un’opinione, un gusto. Sono una presa di posizione che si fa corpo.  In Onore ai vivi compaiono molti animali, soprattutto insetti, apparentemente insignificanti che tuttavia vivono una vita continuamente sensata e la loro vita brulica e sono indifferenti a noi che cerchiamo un senso affannandoci.
E i vivi di cui parlo sono anche ben lontani dalla follia, dalla sacra follia, perché sono costretti a vivere in un mondo (…) che ha perso del tutto il sacro e gira attorno a succedanei di esso (pure questi rifiutati dai miei vivi…). E anche alla follia a tratti tentano di avvicinarsi, sempre nel percorso di ricerca di senso e di autenticità. Quindi la libertà è la ribellione ed è la vita stessa, almeno quella dei miei vivi! 

Cerca nel sito

ó
© 2018 Giovanni Peli | Foto di Fabiana Zanola