Menzione d’Onore per la poesia dialettale

Premio di Poesia in Dialetto Bresciano "Cügiani Bresà - Giovanni Scaramella"

Menzione d’Onore per la poesia dialettale

Menzione d’onore nel Premio di Poesia in Dialetto Bresciano “Cügiani Bresà – Giovanni Scaramella”

Complimenti ai vincitori!

Queste le poesie di GP segnalate:

Töt

Tiràe föra el nas
picinì come en cagnì
nàe en Bórg Trènt
endó che el tép el sbròia mìa i gróp
e töt l’è sèmper precìs.
Piöf sö la me Brèsa
camìne sensa ombrèla fina a S. Faüstì
lé sé, ensèma ai negracì
töt el cambia:
mé, i nìgoi, le serànde,
le finestre, i balcunsì.
Niènt sa risparmia
e töt el vif.

Tutto

Sbucavo solo col naso / piccolo come un cucciolo / andavo in Borgo Trento / dove il tempo non scioglie i nodi / e tutto resta sempre uguale. / Piove sulla mia Brescia / cammino senza ombrello / fino a S. Faustino / lì sì, assieme ai negretti / tutto cambia: / io, le nuvole, le saracinesche, / le finestre, i balconcini. / Niente si trattiene / e tutto vive.

Fas maraèa

Iga dò ma bèle grande
sènter mia strachèsa nei pè
desmentegàs certi dulùr
le ìde giràde nela carne enfiàda
o i pensér sgrobiàcc en del có.
Adès
nel spècc ma sa ensomèe piö
e l’è en spetàcol:
Nó col bras dènter a na finestra
perché só grand compagn de’n palàs
e scaàlche l’autostrada
con de’n pas.
Sìre bu d’ensomiàm
so bu d’encantàm:
’ndà zó de senso l’è ’n difèt
ulì bé fa ’l sò éfèt.

Meravigliarsi

Avere due belle mani grandi / non sentire nei piedi la stanchezza / dimenticarsi alcuni dolori / le viti rigirate nella carne tumescente / gli escoriati pensieri nella testa. / Nello specchio ora non mi riconosco più / ed è una meraviglia: / infilo un braccio in una finestra / perché sono grande come una casa / e scavalco con un passo l’autostrada. / Ho saputo sognare / so farmi incantare: / perdere la ragione è un difetto / amare ha il suo effetto.

Cerca nel sito

ó
© 2018 Giovanni Peli | Foto di Fabiana Zanola