Tutto ciò che si poteva cantare

Tutto ciò che si poteva cantare

L'album

Crediti


Tutto ciò che si poteva cantare

Le canzoni di “Tutto ciò che sui poteva cantare” sono tutte canzoni d’amore. Si parla di passioni tanto viscerali e sconvolgenti quanto quotidiane e reali. Ma in ogni pezzo si assiste ad un cambio di prospettiva e ad un cambio di situazione: amori perduti, vita di coppia, morbosa attrazione, amori sognati, effimeri, eterni, raccontati in vari modi: dall’ironia strisciante alla sofferenza, all’introspezione, alla gioia dell’illusione, alla speranza, allo smarrimento, alla perdita di identità, dalla narrazione allo sfogo lirico. Il “discorso amoroso” è il punto di partenza che può portare sia a constatare che “conoscere se stessi è impossibile” che a dichiarare “i nostri piccoli nazisti mi distraggono”: si passa attraverso labirinti comunicativi e slanci di passione onnivora. Dunque, nonostante l’apparente impostazione monotematica, la magia poetica tende a definire un tutto, per quanto destabilizzato. Lo spostamento dei punti di vista viene espresso con la mobilità e la fluidità delle immagini poetiche sottolineate e rinvigorite dalla ricerca sonora: una chitarra ruvida e blues si può unire a parti elettroniche, generi diversi tra loro si fondono e, annullandosi a vicenda, creano atmosfere inusitate. La cifre stilistiche di questo disco cantautorale sono l’essenzialità e la fantasia: una felice sintesi tra canzone d’autore, blues, rock, elettronica di stampo nordeuropeo, indie-folk, minimalismo e post-world music.

 

Nei negozi dal 6 febbraio 2012 per Kandinsky Records.

 

Testi e musica di Giovanni Peli

 

Preproduzione: Silvio Uboldi
Arrangiamenti: Silvio Uboldi e Giovanni Peli
Produzione artistica: Stefano Castagna
Realizzato presso gli studi Ritmo&Blu nel settembre 2011 da Stefano Castagna e Christian Codenotti

 

Giovanni Peli: chitarre e voce
Silvio Uboldi: tastiere
Beppe Mondini: batteria
Giorgio Marcelli: basso
Ettore Ferronato: tromba
Angela Kinczly: cori
Michele Maulucci: contrabbasso

 

Fotografie di Mario Martinazzi
Postproduzione e editing immagine: Kovre

 

  • Kandinsky Records
  • 2012

  • Tu amore perduto
    Qualche volta nei tuoi occhi
    Tutto quello che fai
    Il nome che vuoi
    Mani di foglia
    Viene la notte
    Le maschere
    Corallo
    Incrocio
    La piccola ombra

Cerca nel sito

Fiori

Sterminate

Distanza

Berlino

Accorgetevi

Tutto quello che fai

Il nome che vuoi

ó
© 2017 Giovanni Peli